Addio a James Gandolfini, il boss ‘depresso’ dei Sopranos

Si trovava a Roma per una vacanza con la famiglia, quando un attacco di cuore l’ha colpito. James Gandolfini, star della serie ‘I Sopranos‘ è morto così, ieri, all’età di 51 anni.

L’attore italo-americano era diventato famoso a livello mondiale per il ruolo di Tony Soprano, il depresso boss della mafia che ha impersonato dal 1999 al 2007, vincendo un Golden Globe e ben tre Emmy Awards per la sua performance.
Appresa la notizia della sua morte, il creatore dello show tv – David Chase – lo ha definito un “genio“:

“Era un genio. Chiunque abbia assistito anche ad una sola delle sue performance, anche quella più piccola, lo sa. E’ uno dei più grandi attori di tutti i tempi”.

Gandolfini era nato a Westwood, in New Jersey nel 1961 ed iniziò a recitare alla fine degli anni ’80. Durante la sua carriera ha collezionato numerose apparizioni in oltre 40 film, tra cui annoveriamo ‘Get Shorty’, ‘Crimson Tide’ e il nominato al premio Oscar ‘Zero Dark Thirty’ oltre che ‘The Incredible Burt Wonderstone‘. L’ultima sua apparizione è nel film ‘Animal Rescue’, un poliziesco drammatico che lo vedrà al fianco di Tom Hardy e Noomi Rapace che uscirà il prossimo anno.

Nella serata di ieri, Bruce Springsteen – durante il concerto con la sua E Street Band – ha eseguito le canzoni di ‘Born To Run‘ in tributo all’amico scomparso. Steve Van Zandt, membro della E Street Band, aveva lavorato con lui proprio nei ‘Sopranos‘.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.