Musica, Cinema, TV e Spettacolo

Addio a Jon Lord, storica tastiera dei Deep Purple

Addio ad una delle personalità che ha reso il rock quello che è oggi: Jon Douglas Lord, per tutti Jon Lord, storico tastierista dei Deep Purple, ha perso la sua battaglia contro il cancro al pancreas. L’artista aveva 71 anni, ed era da tempo malato.
A lui va il merito di aver introdotto l’organo Hammond come vero e proprio strumento per fare rock.

Tutti i fan dei Deep Purple piangono oggi la sua morte, dopo il grande contributo che lui e la sua band hanno dato alla musica, creando un vero e proprio punto di svolta: dal loro genio sono nate le fondamenta dell’hard rock, che poi si è sviluppato nel metal e nella progressive. La sua più grande impresa a livello musicale è stata l’idea di amplificare l’organo Hammond con l’amplificatore per chitarra Marshall, creando una vera e propria impronta inconfondibile, che da sempre ha caratterizzato il sound della band.
Con questo nuovo sound nacquero pietre miliari della musica rock, dischi come ‘Fireball’, ‘Machine Head’ (al cui interno troviamo la storica ‘Smoke on the Water’) e ‘Who Do You Think We Are’.

Jon Lord, con i Deep Purple, è stato inoltre uno dei primi musicisti rock a comporre un intero concerto assieme ad un orchestra sinfonica, che ha trovato la sua massima espressione nell’opera ‘Concerto for group and Orchestra’ in cui i Deep Purple si sono esibiti insieme alla Royal Philarmonic Orchestra.
Nella sua carriera Jon ha collaborato con diversi artisti, dal progetto con i Whitesnake con David Coverdale e Ian Paice.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.