Musica, Cinema, TV e Spettacolo

Un ritorno all’electropop con Alison Moyet

 

Stiamo parlando di una delle cantanti inglesi più interessanti del panorama musicale, Alison Moyet. Ieri sera, dopo le tappe negli Stati Uniti e in Sud Africa, ha calcato il palco del Fabrique a Milano per l’unica tappa italiana del suo ‘The Minutes Tour 2015′, che l’ha portata anche in Svezia, Germania, Belgio e Olanda.

Alison Moyet, è una cantante britannica di musica pop rock, che ha colpito da sempre il pubblico per la sua voce dai toni bassi molto potenti, un mix tra blues e soul, in un contesto di sperimentazione elettronico synthpop ed electropop. Ha raggiunto il successo internazionale con il duo Yazoo insieme al tastierista Vince Clarke, già membro fondatore dei Depeche Mode (suo il pezzo famosissimo del 1981 ‘Just Can’t Get Enough’) . Alison dal 1984 ha poi intrapreso con successo la carriera solista, rivolgendosi forse più al pop, e al rock e ottenendo poi nel 2002, due nomination, una ai Brit Awards come ‘Miglior Voce Femminile’ per l’album ‘Hometime’, e una al premio Mercury Music Prize. Grazie ad Alf (suo soprannome del periodo punk) ieri sera il pubblico ha potuto rivivere con entusiasmo e nostalgia le hit della sua trentennale carriera e sicuramente per molti di noi è sempre molto bello ricordare pezzi come ‘Only You’, ‘Don’t Go’, ‘Situation’, Nobody’s Diary’, ‘ Is this Love’, ‘Weak in the Presence of Beauty’, ‘Ordinary Girl’, ‘Sleep Like Breathing’, ‘Whispering Your Name’ e così molti altri suoi brani, essenzialmente, caratterizzati dal suo stupendo e travolgente timbro vocale.

Foto in gentile concessione di Stefanino Benni.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.