Musica, Cinema, TV e Spettacolo

Arcade Fire: al cinema il film documentario – recensione

Mercoledì 14 e giovedì 15 ottobre nelle sale italiane sarà possibile vedere il film-documentario Arcade Fire: The Reflektor Tapes (distribuito da Nexod Digital) ed entrare così non solo nel privato della band, ma cercare anche di approfondire e comprendere i meccanismi che fanno sì che nasca un album della portata di Reflektor.

Kahlil Joseph, il regista del film (un vero e proprio incrocio tra documentario, arte, musica e storia privata) è riuscito a trasportare su pellicola quella che è l’essenza non solo dell’album la cui genesi e il cui tour viene narrato per immagini, ma si è sintonizzato sulle medesime “frequenze d’onda” degli Arcade Fire per riuscire a raccontare uno spaccato di vita della band con la stessa freschezza, leggerezza e gusto artistico che ritroviamo nella loro musica.

Durante l’intervista finale (non uscite dalla sala ai titoli di coda: fermatevi e attendete al vostro posto per un’intervista esclusiva e molto interessante) Win Butler definisce il lavoro di Kahlil come «un remix per immagini dell’album» e non si potrebbe essere più d’accordo.

Il regista ci accompagna nel viaggio in una dimensione parallela fatta di studi di registrazione, palchi spettacolari e carnevali di Haiti, come se facessimo parte della crew degli Arcade Fire, ma stessimo perennemente sotto l’effetto di acidi: gli effetti con cui ha giocato non solo a livello sonoro, ma anche a livello di immagini, sono di grande impatto e non lasciano indifferenti.

La scelta di riprendere le immagini del carnevale di Haiti in bianco e nero, con una telecamera a infrarossi tipicamente usata nel mondo militare la dice lunga sull’approccio alla regia e può far intuire che le scelte operate da Kahlil potrebbero spiazzarvi durante la visione del film, ma anche dopo, ripensandoci a posteriori. Sembra di trovarsi in un caleidoscopio di colori e suoni che si muove quando preferisce e su cui non si ha alcun controllo, ma che asseconda i ritmi ricercati dalla band e i passaggi di location e contesto che avvengono nel film: dalle prime fasi della scrittura in Giamaica, si passa alle sessioni di registrazione a Montreal, dal concerto improvvisato in un hotel haitiano la prima notte di Carnevale, fino alle date sold out di Los Angeles e Londra.

Il tutto intramezzato da siparietti personali, intimi e privati che rendono più umani questi artisti che hanno conquistato mezzo mondo e che non vorrebbero mai smettere di assorbire stimoli dal mondo esterno, pronti a tradurli in situazioni musicali che lasceranno a bocca aperta gli ascoltatori.

Ci sono immagini del Tour Reflektor dove siamo stati davvero molto vicini a mettere in scena esattamente quello che immaginavamo nelle nostre teste- raccontano gli Arcade Fire – E siamo follemente fortunati perché avevamo accanto a noi Kahlil Joseph sin dall’inizio per documentare tutto questo.

Elenco completo delle sale che proietteranno il film su nexodigital.it.

Arcade Fire: The Reflektor Tapes trailer

https://www.youtube.com/watch?v=-EqnY02qDk0

Siamo anche su Google Edicola! Leggi il nostro blog sul tuo mobile, clicca sul banner
Google Play store page

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

SEGUICI!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.