Faenza: apre la mostra Colours di Clara Garesio

Domenica 27 settembre 2015 alle 17:30 a Faenza si terrà l’inaugurazione della mostra Colours dell’artista ceramista Clara Garesio, per la prima volta a Faenza, dopo l’acquisizione al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza nel 2011 del suo grande bassorilievo Blue Mandala (foto di testata articolo).

L’artista nata a Torino, ha studiato al Ballardini di Faenza con maestri come Angelo Biancini, Anselmo Bucci, Tonito Emiliani e Giuseppe Liverani. Diventa insegnante di decorazione e tecnologia ceramica all’Istituto d’Arte di Isernia e poi all’Istituto per la Porcellana Caselli a Napoli. È a Napoli che l’artista si spinge verso una espressione artistica semplice, spontanea e soprattutto policroma.

Dopo la tappa bolognese, l’evento si sposta a Faenza dove rientra nel programma del XX Raduno annuale dell’Associazione Ex-Allievi dell’Istituto Statale d’Arte per la Ceramica Ballardini di Faenza.

Clara Garesio ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti e producendo interventi ornamentali per opere pubbliche e pregevoli pezzi per collezioni italiane ed estere:

  • Palazzo delle Nazioni Unite di Ginevra,
  • Commissione Europea di Bruxelles,
  • MIAAO di Torino, MIC di Faenza (RA),
  • Museo “Manuel Cargaleiro” di Vietri sul Mare (SA),
  • Museo della Ceramica di Castellamonte (TO),
  • Museo della Ceramica di Vietri sul Mare (SA),
  • Museo d’Arte Ceramica di Ascoli Piceno,
  • MARCON di Cerreto Sannita (BN),
  • Raccolta Internazionale d’Arte Ceramica Contemporanea di Castelli (TE),
  • MISA di Faenza (RA).

Tra le sue mostre più importanti ricordiamo a Salerno e in provincia Una infinita primavera, Approdi desiderati, 1 passione, 2 mani, 3 elementi… Clara Garesio, CON-CRETA-MENTE, a Torino Ceramiche – timeless glamour, a Roma Dejà-vu.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.