Francesco De Gregori: incanta Milano, il racconto del concerto

La sovrapposizione musicale è inedita ed emotivamente d’impatto: il primo tempo dedicato alle rivisitazioni in lingua italiana delle opere di Bob Dylan e un secondo nel quale si sfogliano uno ad uno i capolavori musicali del maestro Francesco De Gregori. Da un lato, la sperimentazione di una traduzione importante, quasi un atto di devozione nei confronti del compositore statunitense e dall’altra, la storia di una carriera in continua ascesa con una forte impronta contemporanea. Il concerto del Principe è un’inedita alternanza tra “amore” e “furto”: si è già parlato dell’attrazione professionale che De Gregori ha per il cantautore statunitense ma è ben altra cosa assaporare questa immensa opera di traduzione dal vivo. Il corrispondente live del disco è Amore E Furto Tour 2016. Per la tappa milanese, la location scelta è l’Alcatraz: forse dispersiva ma canzone dopo canzone, il cantautore riesce ad avvolgere il locale con un’atmosfera surreale, magica.

L’emozione è palpabile, e tra il pubblico si nascondono tre generazioni: dai fan di vecchia data alle coppie di trentenni, amici e fidanzati, fino a quella madre che spiega ai figli adolescenti la storia di ogni brano, contestualizzata al periodo di pubblicazione. Si percepiscono le emozioni con un rigoroso silenzio, l’attenzione alla voce del cantautore è altissima. Parliamo del palco, perché sono due gli elementi di forte attrazione: le luci che riescono quasi a dipingere le canzoni, creando l’atmosfera da club con una cornice scenografica semplice ma soddisfacente. Il secondo è la band, con cui De Gregori comunica in maniera silenziosa; sono composti ed efficaci. I componenti sono: Guido Guglielminetti (basso e contrabbasso), Paolo Giovenchi (chitarre), Lucio Bardi (chitarre), Alessandro Valle (pedal steel guitar e mandolino), Alessandro Arianti (hammond e piano), Stefano Parenti (batteria), Elena Cirillo (violino e cori), Giorgio Tebaldi (trombone), Giancarlo Romani (tromba) e Stefano Ribeca (sax).

francesco de gregori

Francesco De Gregori: in radio il nuovo singolo e prime date estive – biglietti

Sarà in radio dal 25 marzo 2016 Come Il giorno, nuovo singolo di Francesco De Gregori, che ha annunciato le prime date estive del tour. Scopri info e biglietti.

0 comments

Quasi come un film musicale, il concerto si divide in due blocchi: nel primo, c’è l’esecuzione delle traduzioni dylaniane ovvero Un angioletto come te, Mondo Politico, Via della Povertà e Come il Giorno. “Benvenuti al concerto, scusate se leggo ma le canzoni non sono propriamente mie” confessa De Gregori dopo le prime note di Amore e Furto. Tra i brani, molto intenso assolo di chitarra in Servire Qualcuno.

Dopo una breve pausa, è il momento di un corposo blocco, ovvero quello dell’incredibile repertorio di De Gregori: spende poche parole tra un brano e l’altro perché la musica ha un peso più importanti nei suoi live, la sequenza di capolavori musicali è emozionante. Si comincia da A Pà, e poi Buonanotte Fiorellino, Generale, Santa Lucia, Battere e Levare, Pezzi di Vetro. Accontentati i fan nostalgici che cantano Pablo, Rimmel, e Adelante Adelante!.

Al termine di un bis richiesto, De Gregori canta Passo D’Uomo, La Donna Cannone e Fiorelino #12&35, concludendo con una frase sincera: “Grazie a tutti, grazie soprattutto per l’attenzione che avete per la mia musica”.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore