Il crimine non va in pensione: trama e recensione

Esce giovedì 15 giugno 2017 il film Il crimine non va in pensione diretto da Fabio Fulco con Stefania Sandrelli. Scopri trama e recensione

Esce giovedì 15 giugno 2017 il film Il crimine non va in pensione diretto da Fabio Fulco, al suo debutto come regista, ed interpretato da Stefania Sandrelli, Maurizio Mattioli, Ivano Marescotti, Gianfranco D’Angelo, Fabio Fulco, Franco Nero. Di seguito riportiamo la trama, la nostra recensione ed il trailer del film.

Il crimine non va in pensione: trama

Un gruppo di amici over 70 si ritrovano al centro anziani La Serenissima per passare il tempo tra chiacchiere, gare di bocce e balli serali. Edda, una bella signora del gruppo viene ricoverata in ospedale per un malore causato forse dalla perdita di una grossa somma di denaro che la donna ha giocato al bingo. Edda sperava di vincere per aiutare i figli in difficoltà economiche. Gli amici del centro anziani per aiutare la compagna decidono di rapinare proprio la sala Bingo. Studiano così un piano d’azione sotto la direzione del generale in pensione Alfio  e reclutano alcuni elementi di rinforzo da inserire nell’improvvisata banda: l’autista Donato, lo scassinatore di casseforti Barabba, la talpa Ernesto.

Il crimine non va in pensione: recensione

Fabio Fulco che fino ad oggi è stato attore di televisione e cinema, con questo film si lancia nel mondo della regia mettendo in scena un’action comedy scritta da Fabrizio Quadroli. Fulco ha scelto un gruppo di attori senior di grande rilievo e noti al pubblico: da Stefania Sandrelli e Ivano Marescotti, che interpretano una coppia di innamorati, Orso Maria Guerrini nei panni del generale di ferro, Gianfranco D’Angelo e Gisella Sofio che è al suo ultimo ruolo e a cui è dedicato il film. Il neo regista sembra però eccessivamente impegnato a sperimentare in questo suo primo lavoro cinematografico diversi stili di regia e questo rende la pellicola un po’ disomogenea con ritmi troppo altalenanti tra scene troppo veloci e dialoghi troppo lenti. Esperienza e talento degli attori sono di indiscutibile pregio. In particolare svetta l’interpretazione di Maurizio Mattioli nel ruolo di Barabba che mostra la sua grande dimestichezza con il tempismo comico, le divertenti improvvisazioni spassose e una profonda capacità di rendere reale pur nell’esagerazione comica il suo personaggio.

Il crimine non va in pensione: trailer

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.