Musica, Cinema, TV e Spettacolo

Il palazzo del Viceré, film al cinema: recensione e curiosità

Il palazzo del Viceré con Hugh Bonneville e Gillian Anderson il film al cinema dal 12 ottobre 2017. Scopri trama, recensione e curiosità

Il palazzo del Viceré è tra i film al cinema da giovedì 12 ottobre 2017. La pellicola è diretta da Gurinder Chadha e vede come protagonisti Hugh Bonneville (celebre conte di Grantham in Dontown Abbey) e Gillian Anderson (la Scully di X-Files). La trama racconta del difficile momento storico e dei tumultuosi momenti che portarono, 70 anni fa, alla Partizione di India e Pakistan. Emblematica la storia d’amore tra due giovani, la musulmana Aalia e l’induista Jeet, che sfidano le convenzioni e il destino nel maestoso palazzo dell’ultimo Vicerè. Di seguito ecco la trama, il trailer, le curiosità sul film e la nostra recensione. SCOPRI LE ALTRE USCITE NELLE SALE DEL MESE

Il palazzo del Viceré, film al cinema: scheda

  • TITOLO ORIGINALE: Viceroy’s House
  • GIORNO DI USCITA: 12 ottobre 2017
  • GENERE: storico, drammatico, biografico
  • ANNO: 2017
  • REGIA: Gurinder Chadha
  • CAST: Hugh Bonneville, Gillian Anderson, Manish Dayal, Om Puri, Michael Gambon, Denzil Smith, Simon Callow, David Hayman
  • DURATA: 106 Minuti

Il palazzo del Viceré, film al cinema: trama

Siamo nel 1947 e il dominio dell’Impero Britannico sull’India è alla conclusione. A condurre il difficile passaggio del Paese verso l’indipendenza è il nipote della Regina Vittoria, Lord Mountbatten (Hugh Bonneville). Lord Mountbatten insieme alla moglie e alla figlia si stabilisce per sei mesi nel Palazzo del Viceré a Delhi e diventa il personaggio storico conosciuto come L’ultimo viceré. La sua mediazione tra le varie anime culturali e religiose indiane (induisti, musulmani e sikh) fallisce e sfocia nella cosiddetta “Partition” fra India e Pakistan. Tutto il personale del Palazzo viene coinvolto e le storie della famiglia Mountbatten e quelle di alcuni membri dello staff si intrecciano sullo sfondo di una dolorosa separazione. La trama si concentra sulla emblematica storia di due giovani, Aalia e Jeet (Manish Dayal), entrambi a servizio del vicerè. Lei musulmana e lui induista allo scoppio dello scontro saranno chiamati a prendere una decisione epocale.

Il palazzo del Viceré, film al cinema: recensione

La regista anglo-indiana Gurinder Chadha, la cui famiglia è stata coinvolta negli eventi raccontati nel film, ha portato sul grande schermo  il momento storico lo straordinario che portò alla sofferta Partizione dell’India. Protagonisti di quel difficile momento politico e diplomatico furono l’ultimo viceré Lord Mountbatten da parte inglese (dietro il quale c’era Churchill) e i leader locali: Ghandi, Nehru e l’islamico Jinnah, padre fondatore del Pakistan.

L’ottima sceneggiatura è firmata dalla stessa regista, dal marito Paul Mayeda Berges e da Moira Buffini. La struttura narrativa è brillante ed equilibrata. Vengono delineati personaggi eccezionali le cui storie si intrecciano contemporaneamente senza vederne sacrificata alcuna. La storia di amore tra Aalia e Jeet non è certo originale, ma risulta essere un ottimo strumento funzionale per mettere in scena i contrasti sociali che lacerano la popolazione indiana.

Di grande impatto anche la fotografia con immagini che diventano una specie di punteggiatura del film. Come le stupende inquadrature del Palazzo che scandiscono i diversi capitoli della trama. Il maestoso Palazzo del Viceré diventa quasi un personaggio, un simbolo della fine dell’ordine imposto dagli inglesi e dell’avvento dell’autodeterminazione indiana. Un film da vedere soprattutto per gli spettatori occidentali per capire quella che fu la tragedia della Partizione dell’India.

Il palazzo del Viceré, film al cinema: curiosità

  • Il film si apre con la citazione: ” La storia è sempre scritta dai vincitori”.
  • Il film è stato girato nel vero palazzo di Mountbatten a Nuova Delhi, ora di proprietà del governo. Il palazzo fu costruito dagli inglesi su disegno dell’architetto Edwin Lutyens.
  • I morti causati dai conflitti interreligiosi all’epoca della Partition furono quasi un milione, mentre furono 14 milioni gli indiani sradicati dalle loro case dalla divisione del paese.

Il palazzo del Viceré, film al cinema: trailer

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.