Musica, Cinema, TV e Spettacolo

Imprevedibili Radiohead all’Arena Parco Nord di Bologna

Bologna, 25 Settembre 2012

Dopo la grande accoglienza ottenuta a Roma e Firenze, il tour dei Radiohead approda a Bologna, nella cornice dell’Arena Parco Nord. La band inglese trova qui 25.000 spettatori pronti a farsi travolgere dalla loro musica, che siano i pezzi storici oppure le nuove sperimentazioni: certo è che molto probabilmente nemmeno loro si aspettavano questa grande affluenza, considerando che in Italia il loro genere fatica a prender piede nelle classifiche. Una folla molto varia, per quanto concerne l’età: dai 40enni nostalgici ai giovani rocker, tutti uniti dalla passione per la musica di Thom Yorke e soci, che non è mai stata – se così possiamo definirla – di facile ascolto, ma soprattutto commerciale.
Alle 21.30 l’Arena è gremita e tutti sono in trepidazione.
Il palco è maestoso: giochi di luci e schermi a led sono pronti a funzionare per offrire un’atmosfera magica, condita – ovviamente – dalla musica del gruppo inglese. Poco dopo la band si presenta sul palco e spara a raffica due brani presenti nell’ultimo disco, ‘The Kings of Limbs’: ‘Lotus Flower’ e ‘Bloom‘, che ammalliano il pubblico presente, quasi distraendolo. Allora Thom Yorke, da vero leader carismatico, attira a se gli sguardi, destreggiandosi con un discreto italiano.
L’atmosfera è ora più calda, soprattutto quando il gruppo presenta alcuni pezzi storici, quali ‘Planet Telex’ che però vengono totalmente sconvolti e rimodernizzati: qualcuno fra il pubblico apprezza, qualcuno meno, accusando la band di aver fatto perdere l’essenza al pezzo.
Quasi due ore e mezza di concerto, che sono letteralmente volate: la musica non si interrompe e trascina il pubblico attraverso la set list (cambiata all’ultimo), e si interrompe soltanto quando in occasione di ‘Exit Music‘, il chitarrista Jonny Greenwood commette una sbavatura e viene ripreso da Yorke con la colorita espressione “Fuck Jonny!“, cosa che fa sorridere la folla.
24 sono i pezzi in scaletta, il cui compito di chiuderla è affidato ad un emozionante ‘Everything In Its Right Place’, rivisitata in chiave quasi jazz. Al termine del pezzo, Yorke se ne va lasciando al resto della band la chiusura con le ultime note.

Uno show che è in grado di soddisfare e lasciare spiazzati al tempo stesso, perchè i Radiohead sono così, imprevedibili e sempre alla ricerca di nuovi orizzonti che però non sempre sono accolti con calore dal pubblico.

Di seguito, la set list presentata a Bologna:
1. Lotus Flower
2. Bloom
3. 15 Step
4. Lucky
5. Kid A
6. Morning Mr. Magpie
7. There There
8. The Gloaming
9. Separator
10. Pyramid Song
11. You and Whose Army?
12. I Might Be Wrong
13. Planet Telex
14. Feral
15. Little by Little
16. Idioteque
Bis:
17. Give Up the Ghost
18. Exit Music (for a Film)
19. The Daily Mail
20. Myxomatosis
21. Paranoid Android .
Bis 2:
22. House of Cards
23. Reckoner
24. Everything In Its Right Place (True Love Waits intro)

Di seguito alcune foto della serata, per gentile concessione del fotografo Vincenzo Nicolello

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.