Musica, Cinema, TV e Spettacolo

Intervista a Gianluca Chiaradia, un cantautore ‘Seriamente Ironico’

copertina

Gianluca Chiaradia è un giovane cantautore veneto, che abbiamo incontrato in occasione della presentazione del suo disco d’esordio ‘Seriamente Ironico‘, maturato in tre anni di duro lavoro introspettivo. In radio, l’album è stato anticipato dal singolo ‘Tutto Al Caso‘. Ma conosciamo meglio questo giovane con tanti sogni nel cassetto..

Cube Magazine: Gianluca Chiaradia si descrive come un carattere introspettivo. Eppure c’è la voglia di fare musica, di ricevere delle attenzioni, come credi che questi due aspetti, parzialmente opposti, possano coesistere? E in che modo coesistono nella tua persona?
Gianluca Chiaradia: “Il processo che porta a scrivere una canzone, a dipingere un quadro o a qualunque altra forma artistica, nasce da un’urgenza interiore, si fa per se stessi. La molla che fa scattare la voglia di farsi ascoltare da qualcuno in un secondo momento, è il divertimento e un qualche desiderio di condivisione”.

CM: In tutti i brani c’è una forte e piacevole presenza di strumenti acustici. Quando e da cosa deriva questa tua passione?
GC: “Dalla musica folk e country di cui sono ghiotto. ‘Blood on the tracks’ di Dylan, ‘Train a comin’ di Steve Earle, ‘Blu di Genova’ di Beppe Gambetta sono stati dischi che ho ascoltato molto nel periodo che ha preceduto il disco”.

CM: Credi che questo stile musicale, molto semplice, ritmato, costruito più da un ricercato mix di parole e voce possa funzionare più che altre musiche remixate o altamente modificate?
GC: “Ci sono molte scuole di pensiero in merito, ognuno ha il suo metodo. Come dice Sorrentino in un suo bellissimo libro: ‘Hanno tutti ragione’”.

CM: La tua voce richiama a primo impatto quella del talentuoso Francesco Renga. E’ lui stesso fonte di ispirazione per te? Quale altro artista/band rappresenta un idolo o un modello per te?
GC: “È un artista che rispetto, ma non l’ho mai ascoltato. Ogni ascoltatore percepisce la voce in modo diverso. Mi ritengo “figlio” della musica americana/anglosassone, i miei riferimenti sono Bob Dylan, gli Stones, Elvis e tutti grandi del rock”.

CM: Gianluca Chiaradia, 22 anni, giovanissimo. Cosa ha fatto parte del tuo cammino prima di arrivare fin qui?
GC: “Tanti vinili e tanta passione. Prima di essere musicista mi sento musicofilo, adoro la ricerca e sento fortemente il senso di appartenenza a un’umanità musicale cui vorrei dare un mio, seppur piccolissimo, contributo. I dischi, meglio se gli iconici vinili, sono testimonianza e anche eredità del momento storico in cui sono nati”.

CM: Quale ritieni che sia il principale obiettivo della tua musica?
GC: “Divertirsi. La lingua inglese in questo senso è più adatta rispetto alla nostra perché “to play” è inteso sia come suonare che come giocare”.

CM: Al giorno d’oggi i cantautori sono molto ricercati e preziosi. Molti di loro rimangono nell’ombra di grandi cantanti, cosa ti ha fatto “uscire dal tuo guscio” e salire sul palco?
GC: “Il divertimento. Poi ho la speranza, e forse anche un po’ di presunzione, di aver qualcosa da dire”.

CM: Parlando un po’ rivolto al futuro, cosa stai preparando per i prossimi mesi? Ti esibirai dal vivo?
GC: “Sono al lavoro su pezzi nuovi e ovviamente su concerti di cui potete leggere sul mio sito www.gianlucachiaradia.it o sulla mia pagina facebook”.

CM: Ti piacerebbe collaborare con qualcuno/a che attualmente è sotto i riflettori?
GC: “Beppe Gambetta, Iron and Wine, Damien Jurado”.

CM: Ti piacerebbe rappresentare l’Italia all’Eurovision se ne avessi la possibilità?
GC: “Mai dire mai!”

Un grande “In Bocca al Lupo” a Gianluca per i suoi progetti ed un ringraziamento particolare a Sara Bricchi di Parole & Dintorni per la disponibilità.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.