Jackie: trama e recensione film con una Natalie Portman da Oscar

Jackie arriva nei cinema italiani da giovedì 23 febbraio 2017. Il film è diretto da Pablo Larrain ed interpretato da Natalie Portman, Peter Sarsgaard, Greta Gerwig, Billy Crudup, John Hurt, Richard E. Grant. Il film ha ottenuto 3 candidature ai Premi Oscar (tra cui Miglior attrice protagonista), 1 premio al Festival di Venezia, 1 candidatura ai Golden Globes, 3 candidature e ha vinto un premio ai BAFTA. Di seguito trama e recensione.

Jackie: trama

Il 22 novembre 1963, durante un viaggio a Dallas per la sua campagna elettorale, John F. Kennedy viene assassinato. Al suo fianco nell’auto decapottabile la moglie Jacqueline, elegante piena di stile come sempre, una delle donne più famose al mondo, per molti un modello da imitare. Quando Jackie sale sull’Air Force One per tornare a Washington, tutta la sua vita e la sua fede cade in pezzi. Nonostante sia sotto choc e sconvolta dal dolore nei giorni successi l’assassinio del marito Presidente deve trovare la forza per affrontare momenti durissimi: consolare i suoi due figli, abbandonare la casa che aveva ristrutturato con passione, dare disposizioni per le esequie di suo marito ed anche gestire la stampa e le richieste di interviste. Jackie ha subito ben chiaro che i giorni immediatamente successivi alla morte di sono decisivi nel dare l’immagine e l’eredità storica di John F. Kennedy, ed anche di quella della First Lady. Jackie accetta di essere intervistata sui fatti di Dallas da Theodore H. White. Jackie racconta la sua storia attraverso le domande del giornalista politico di “Life”. Una storia che Jackie rilegge, rettifica, perfeziona per dare al mondo la sua verità.

Jackie: recensione

Il regista Pablo Larrain si concentra sui tre giorni successivi all’assassinio di J.F. Kennedy buttandosi a capofitto sulla sequenza emotiva e non cronologica della vicenda. Il suo racconto è saldamente ancorato alla colonna sonora inserita con misura ed equilibrio all’interno del film ed usata spesso per incorniciare musicalmente i primi piano dedicati a Jackie e le inquadrature pittoriche, statiche. L’uso della macchina da presa è costantemente concentrato su Jakie per mostrare la sua debolezza e fragilità. Il montaggio è molto curato e segue in pieno accordo con la musica l’emotività della storia, convogliando il tutto verso l’evoluzione di una complessa storia che per la protagonista è diventata tragedia. La Natalie Portman interpreta con grande maestria la First Lady per eccellenza Jacqueline Kennedy e regge benissimo il peso di un ruolo particolarmente difficile: Jackie è sola e senza nessuno a cui appoggiarsi con la consapevolezza che non avrà tempo per rielaborare il lutto in quanto non c’è modo di rinviare l’appuntamento con la Storia che pretende da lei il rispetto di una etichetta senza pietà. Il film di Pablo Larrain rilegge una pagina di storia americana e di rilevanza mondiale in maniera innovativa ed emotivamente importante. Jackie è davvero un film da non perdere.

Jackie: trailer

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore