Musica, Cinema, TV e Spettacolo

La mia famiglia a soqquadro: trama e recensione

La mia famiglia a soqquadro esce al cinema da giovedì 30 marzo 2017. Diretto da Max Nardari, il film è interpretato da Gabriele Caprio, Bianca Nappi, Marco Cocci, Elisabetta Pellini, Eleonora Giorgi, Ninni Bruschetta, Luis Molteni, Elisa Di Eusanio, Raniero Monaco Di Lapio e Silvia Tortarolo. Di seguito ecco la trama, la nostra recensione e il trailer.

La mia famiglia a soqquadro: trama

Martino (Gabriele Caprio) è un ragazzino che vive in una normale e tradizionale famiglia. I suoi genitori, il papà Carlo (Marco Cocci) e la mamma Anna (Bianca Nappi) decidono di iscriverlo ad una scuola media privata. Nella nuova scuola Martino si trova a disagio come un pesce fuor d’acqua. Infatti tutti i suoi compagni sono figli di genitori separati e di conseguenza viziati da madri e padri che si contendono il loro affetto. Per Martino c’è una sola soluzione per omologarsi e far parte del gruppo: spingere i genitori a divorziare. L’occasione arriva con l’apparizione di un’ex-spasimante del babbo, la bella Paola (Elisabetta Pellini). Lo stratagemma escogitato dal ragazzo però gli sfuggirà di mano…

La mia famiglia a soqquadro: recensione

Il film è il secondo lungometraggio di Max Nardari, regista e produttore indipendente. Nonostante sia una produzione indipendente il film ha un tono e una struttura da commedia commerciale; ed infatti è già stato venduto all’estero. La mia famiglia a soqquadro non è mai volgare o sgradevole, ma usa con grande perizia il paradosso per mettere in luce il periodo dell’infanzia per ricavarne un messaggio morale. Il regista ha partecipato alla sceneggiatura scritta con Fausto Petronzio ispirandosi al libro di sua madre Renea Rocchino Nardari intitolato Figli violati.

tra le interpretazioni attoriali segnaliamo la buona performance di Marco Cocci e Bianca Nappi ed in generale di tutto il cast tra cui una divertita Eleonora Giorgi nei panni della nonna. Tanti sono i temi trattati con diversi gradi di attenzione nel film: dalle separazioni al bullismo, dal culto delle cose alla realizzazione personale, dalla paura della solitudine al bisogno di una scala di valori alternativa. Comunque nel film permane sempre attivo il nucleo emotivo che regge tutta la storia.

La mia famiglia a soqquadro: trailer

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.