Home / CINEMA / News Cinema / La notte del giudizio – Election Year:
La notte del giudizio - Election Year film al cinema

La notte del giudizio – Election Year:

La notte del giudizio – Election Year è il terzo episodio della saga di The Purge sulle 12 ore di anarchia totale che vengono proclamate ogni anno dai Nuovi Fondatori d’America ed è nei cinema italiani da giovedì 28 luglio 2016.

La serie di The Purge, iniziata nel 2013 con La notte del giudizio e seguita nel 2014 da Anarchia – La notte del giudizio, prosegue con il terzo atto, La notte del giudizio – Election Year, che è sicuramente la più interessante e densa di spunti di critica politica e sociale.

La notte del giudizio – Election Year: Trama

La senatrice Charlie Roan è stata vittima delle conseguenze della terribile usanza della notte dello “Sfogo” o “notte del giudizio” che altro non è che 12 ore di anarchia totale proclamate ogni anno dai Nuovi Fondatori d’America. Durante questo periodo di tempo tutto è possibile, ogni reato, e la senatrice perse in uno di questi eventi, diciotto anni prima, tutta la sua famiglia.

Charlie Roan si è candidata alla Presidenza degli Stati Uniti e durante la sua campagna elettorale dichiara chiaramente che il suo proposito è quello di porre fine a questa usanza barbara che alcuni ritengono sia solo un metodo del governo per ridurre la popolazione povera e le relative spese di assistenza. Nel frattempo tantissime persone giungono in USA per assistere all’ evento. Gli avversari politici della Roan decidono di ucciderla durante la  notte del giudizi. Sarà la sua guardia del corpo, l’ex generale Leo Barnes a proteggerla.

La notte del giudizio – Election Year: recensione

Il film è il terzo della serie e sicuramente possiamo dire che si tratta di un genere più action che horror (come i precedenti). Questo terzo episodio presenta un ritmo più sostenuto ed è arricchito da nuovi personaggi particolarmente riusciti. Sono meno presenti le scene di sangue a favore di una maggiore quantità di scene inventive, costumi fantasiosi (a cura di Elizabeth Vastola), scenografie di grande accuratezza (Sharon Lomofsky) e di una fotografia particolarmente bella e curata soprattutto nelle immagini in notturna, merito di Jacques Jouffret

Di grande effetto ed ironica bravura è l’interpretazione di Mykelti Williamson nel ruolo del negoziante Joe, che indubbiamente ruba la scena all’eroe della storia, Frank Grillo nei panni di Leo Barnes, che comunque si conferma attore affidabile e carismatico.

Il film è in gran parte godibile sotto l’aspetto spettacolare anche se è automatico darne una valenza anche politico-sociale forse per niente casuale, vista la concomitanza con la vera campagna presidenziale americana nella quale si può notare come populismo e demagogia abbiano un peso non indifferente.

La notte del giudizio – Election Year: Trailer


NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!


Guarda anche

Babbo Bastardo 2 trama e recensione con Billy Bob Thornton

Babbo Bastardo 2: trama e recensione del sequel con Billy Bob Thornton

Torna al cinema Billy Bob Thornton con la commedia Babbo Bastardo 2, sequel del film del 2003. Scopri trama, recensione e trailer.

error: Content is protected !!