Musica, Cinema, TV e Spettacolo

L’Archipel Orchestra all’Auditorium Di Vittorio a Milano

La seconda parte dell’Atelier musicale riparte con Archipel Orchestra che sul palco dell’Auditorium di Vittorio presenta il suo nuovo lavoro ‘Dialoghi con i Soft Machine‘.

Archipel Orchestra nasce nel 2010 sotto la direzione di Ferdinando Faraò e vede il suo debutto sul palco di Ah Um Jazz festival in quell’anno. Da allora Ferdinando ha costantemente seguito il progetto che nel suo percorso evolutivo ha vinto l’ambitissimo Top Jazz 2012 come migliore formazione italiana.

«Si tratta di una grande formazione composta da “isole musicali”, sulle quali si inseriscono di volta in volta i solisti, creando una sorta di arcipelago sonoro in bilico tra scrittura e improvvisazione. Il risultato finale è sempre di forte identità e di grande impatto scenico» (Ferdinando Faraò).

Il concerto si è aperto con l’abituale sigla dell’Archipel, basata su frammenti tratti da un lavoro di teatro musicale jazz firmato nel 1998 dal pianista compositore inglese Mike Westbrook affronta l’esperienza dei Soft Machine soprattutto attraverso le composizione del bassista Hugh Hopper, che rimase con la band dal 1969 al 1973.

Ferdinando Faraò ha cominciato la sua carriera giovanissimo in quello straordinario luogo del jazz che fù il Capolinea di Milano.
Nel corso della sua carriera artistica ha suonato stabilmente in rassegne nazionali e internazionali, trasmissioni radiofoniche e televisive e in jazz club con musicisti quali Claudio Fasoli, Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi, Steve Lacy, Lee Konitz e molti altri che è decisamente impossibile elencare in questa sede. Di certo Ferdinando ama sperimentare ricercare, continuando inevitabilmente a crescere e a far crescere in questo modo i musicisti coni i quali collabora e, regalando al numeroso pubblico che lo segue emozioni sempre nuove e sempre più raffinate.

Nella scaletta ‘Moon in June’, ‘Three Songs From Platterback’, ,’Noisette’, ‘Mousetrap’ di Robert Wyatt Hugh Hopper, Mike e Katee Westbrook.

La formazione ha subito diversi cambiamenti nel corso del tempo, sabato per questo nuovo progetto calcano il palco Marco Fior, Marco Mariani, Gianni Sansone (trombe), Francesca Petrolo (trombone), Massimo Falascone (sax sopranino), Felice Clemente (sax soprano), Paolo Profeti (sax alto), Germano Zenga (sax tenore), Rudi Manzoli (sax baritono), Carlo Nicita (flauto), Simone Mauri (clarinetto basso), Eloisa Manera (violino), Giampiero Spina (chitarra elettrica), Beppe Barbera (pianoforte) Gianluca Alberti (basso elettrico) Stefano Lecchi (batteria) Naima Faraò, Francesco Forges, Giusy Lupis (voci), diretti magistralmente da Ferdinando Faraò.

Evento organizzato dall’associazione culturale Secondo Maggio in collaborazione con Musica Oggi con il contributo della Fondazione Cariplo e il patrocinio del Comune di Milano.

Immagini e testo di Angela Bartolo in gentile concessione

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.