Musica, Cinema, TV e Spettacolo

L’energico show dei Korn all’Alcatraz con tanta nostalgia

Korn -2-2-2
Korn – Foto a cura di Stefano Cremaschi

 

Ieri sera, 1 Febbraio, i Korn sono approdati all’Alcatraz di Milano, per il primo di due concerti che la band ha in programma nel nostro Paese (il secondo, questa sera all’Atlantico di Roma).

Ad aprire la serata, il gruppo The Qemist, che propone una sorta di dubstep rivisitato, un apertura che non ha particolarmente esaltato il pubblico presente. Una folla che sembra accendersi non appena il microfono di Jonathan Davis viene installato sul palco.. un urlo assordante invade il locale.
Pochi minuti di attesa e la band sale sul palco, accompagnata dal potente riff di ‘Here To Stay‘, che fa impazzire il pubblico, che non si è certo risparmiato. I Korn hanno proposto una scaletta che ha ripercorso interamente la loro carriera ventennale, lasciando davvero poco spazio ai brani di ‘The Paradigm Shift’, ultima fatica in studio della band. Sono, infatti, solamente due i brani proposti da questo album – ‘Love & Meth‘ e ‘Spike in my Veins‘.
Il resto del concerto è tutto incentrato sui pezzi più rappresentativi della loro carriera, da ‘Twist‘ a ‘Coming Undone‘, con l’aggiunta di una bellissima ed apprezzata cover di ‘Another Brick In The Wall’, storico pezzo targato Pink Floyd.
La chiusura è affidata a ‘Blind’ che conclude un concerto ricco di energia, headbanging e tanti cori urlati.

Bentornati Korn.

Nel ringraziare Barbara Francone di Nee Cee Agency, vi lasciamo agli scatti, in gentile concessione, del nostro fotografo Stefano Cremaschi:

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.