Lui È Tornato: è uscito il trailer italiano del film sul ritorno di Hitler

È uscito il trailer del film Lui È Tornato di David Wnendt, il caso cinematografico campione di incassi che ha impressionato la Germania.

La pellicola è ispirata al romanzo best seller di Timur Vermes, primo nella classifica della rivista Spiegel per 20 settimane, con oltre 2 milioni di copie vendute solo in Germania, tradotto in oltre 40 paesi, tra cui Stati Uniti, Inghilterra, Francia, Russia, Giappone e Cina. Il film distribuito da da Nexo Digital (elenco dei cinema a breve disponibile su www.nexodigital.it) sarà proiettato solo per tre giorni: il 26, 27 e 28 aprile 2016. Così il regista David Wnendt spiega perchè ha girato questo film:

La mia generazione rischia di dimenticare il passato. Bombardati da un mare di informazioni e nozioni, si fa fatica a sviluppare senso critico e a leggere il presente con coscienza.

Lui È Tornato: trama

Siamo a Berlino, oggi è un bel giorno d’estate e in una casetta residenziale costruita dove al tempo della Seconda Guerra Mondiale era situato un bunker si sveglia Adolf Hitler a 70 anni dalla sua scomparsa. È solo e spaesato in un mondo che non conosce dove non è nessuno, la guerra è finita e il suo partito non esiste più e non c’è più al suo fianco la sua amata Eva a consolarlo.

Tutto è cambiato e la società tedesca è completamente diversa da come la ricordava tanto che dei ragazzini si prendono gioco di lui. Un giornalista però lo riconosce e lo filma credendo di aver trovato una perfetta imitazione dell’originale. Ebbene Adolf Hitler inizia una nuova carriera in televisione proprio perché scambiato con un perfetto sosia e viene considerato un brillante comico. Ma lui è veramente Adolf Hitler e le sue idee e le sue intenzioni non sono cambiate.

Lui È Tornato: recensione

Adolf Hitler è interpretato da Oliver Masucci che recita accanto a colleghi di prima classe, come Fabian Busch, Christoph Maria Herbst e Katja Riemann. Ma vedremo anche molti personaggi interpretati da gente comune piccoli allevatori, imprenditori, personaggi famosi, giovani politici, giornalisti, nipster e neonazisti.

David Wnendt ha avuto l’idea interessante per trasporre le 400 pagine del libro sullo schermo di mandare Hitler in giro per le strade e di documentare le vere reazioni

Ho trovato appassionante l’idea di mostrare Hitler non solo in una situazione artificiale attorniato da attori, ma piuttosto a piede libero tra la gente vera – spiega David Wnendt – Era il solo modo di suscitare delle risposte affidabili alle domande: cosa accadrebbe se Hitler tornasse oggi? Avrebbe davvero qualche possibilità? E l’esperimento offre risultati spiazzanti: Era come se le persone stessero incontrando una pop star- aggiunge Wnendt- anche sapendo perfettamente che non poteva trattarsi del vero Hitler, lo accettavano e si confidavano con lui.

La quantità di materiale girato è notele 380 ore che sono state accuratamente selezionate e montate per dare origine ad un film che fonde commedia e satira sociale stimolando una riflessione sull’importanza della memoria e che porta lo spettatore a riflettere sul presente e su come ormai la violenza e i sentimenti di razzismo non stupiscono più come se il male fosse diventato una cosa banale e persino affascinante.

Lui È Tornato: Trailer italiano

https://www.youtube.com/watch?v=RJijTFF3nXE&feature=youtu.be

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.