Momix: la settimana prossima in scena a Bassano del Grappa con ‘Bothanica’

A grande richiesta i Momix tornano nel cartellone di ‘Operaestate Festival Veneto’, da martedì 31 luglio a giovedì 2 agosto alle ore 21.20 al PalBassano, con il loro ultimo spettacolo, mai presentato nel cartellone bassanese.

Momix è una compagnia teatrale di ballerini-illusionisti, capeggiata dall’americano Moses Pendleton e nota nel mondo per le opere di eccezionale bellezza ed inventiva. Fin dalla nascita ha acquisito grande fama per la sua capacità di evocare un mondo di immagini surreali usando corpo, costumi, attrezzi, luci e giochi d’ombra.

In questo spettacolo – ‘Bothanica’ – viene presentato un viaggio all’interno di una natura meravigliosa, dove i corpi dei danzatori evocano il movimento leggero che sta dietro la vita segreta degli alberi, il ronzio delle api, il tepore di una certa ora del giorno, i manti erbosi ricoperti di fiori e mossi dai canti degli uccelli. Un concentrato del genio coreografico di Moses Pendleton, dove corpi, forme e immagini si alternano in una serie di quadri spettacolari. Pitture dinamiche dal fascino irresistibile.

Lo spettacolo è diviso in due parti: Winter Spring (il nome delle due prime stagioni Inverno-Primavera, ma anche, in inglese, “lo slancio dell’inverno”) e Summer Fall (Estate-Autunno, ma anche “la caduta dell’estate”). Le coreografie sono un insieme di elaborati giochi ottici, intessuti di semplici ed efficaci strutture dinamiche che attingono dal patrimonio storico della modern dance americana.
Il panorama sonoro è impressionante per varietà: ben trentacinque diverse fonti sonore, comprese una discreta quantità di registrazioni di canti degli uccelli; canti che Pendleton accumula da anni, nelle sue quotidiane escursioni nella natura.

Tutto dunque è studiato per colpire, affascinare e lasciare gli spettatori letteralmente senza fiato. I danzatori sono spesso invisibili, quasi immateriali, la loro identità resta celata sotto l’efficacia delle immagini. Complice l’illusione ottica dell’illuminotecnica e delle immagini video.

Alla base di ‘Bothanica’ c’è però anche il desiderio di trarre lezione dall’osservazione della natura.

Questa – dice Pendleton – è l’essenza dei Momix: si vede un fiore in un uccello, un essere umano in una roccia, una donna in un uomo. Bisogna usare la fantasia, l’immaginazione, la creatività. Nei nostri spettacoli cerchiamo di provocare quella che io chiamo “optical confusion”: un modo per eccitare i nervi del cervello e stimolare la creatività.

Informazioni e prenotazioni Biglietteteria Operaestate Festival Veneto tel. 0424524214

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.