Musica, Cinema, TV e Spettacolo

Muse: nessun tentativo di corruzione in Italia

Riportiamo, di seguito, il comunicato inviatoci da Vivo Concerti, che vuole chiarificare la situazione spiacevole verificatasi dopo la dichiarazione di Matt Bellamy al The Sun, per la quale sembrerebbe che per il concerto di Roma, allo Stadio Olimpico, siano state pagate delle tangenti per consentire l’utilizzo degli effetti speciali pirotecnici:

Al contrario di quanto riportato, i Muse confermano che non c’e’ stato alcun tentativo di corruzione relativo allo svolgimento dei loro concerti in Italia. Sono stati pagati i compensi previsti per il lavoro fatto da tecnici e ingegneri esterni all’organizzazione per ottenere i permessi necessari da parte delle autorita’ locali.
Questo riguarda anche i fuochi di artificio e i certificati di sicurezza, ed è totalmente in linea con gli standard adottati per tutti i gruppi che si esibiscono in Italia con show di queste dimensioni. Tutto ciò, in aggiunta ai certificati gia’ approvati dalle autorita’ di tutti gli altri Paesi europei dove i Muse si sono esibiti quest’estate.

Il comunicato originale in inglese:

Contrary to what has been reported, Muse would like to confirm that no bribes were made in order to stage their show in Italy. Statutory fees were paid for work done by third party engineers and technicians in order to obtain the appropriate permits issued by the relevant departments of the local authorities. This related to issues including pyrotechnics and crowd safety certificates and is completely standard for any group mounting this size of show in Italy. These were in addition to the certificates that were already in place and accepted by the authorities in the other European countries visited by Muse this summer.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.