Nasce a Milano il ‘Quasi Capolinea’ progetto per giovani musicisti

Lo spunto è nato anche dalla collocazione del luogo, nel cuore dei loft di via Mecenate,  poco lontano dal capolinea del Tram 27,  una zona dall’intensa attività notturna legata al pubblico giovanile, con un nome che evoca quello del più famoso club italiano di sempre, il Capolinea di via Ludovico il Moro. Il ‘Quasi Capolinea’ nasce per iniziativa di Musica Oggi (Enrico Intra e Maurizio Franco in testa) e dell’Academy Musicabaret.

L’inaugurazione, con il grande concerto della Civica Jazz Band, ha assunto un valore simbolico poiché la band  riunisce famosi professionisti docenti dei Civici Corsi di Jazz (Emilio Soana, Roberto Rossi, Giulio Visibelli, Marco Vaggi, Lucio Terzano, Tony Arco), studenti ed ex-studenti degli stessi corsi. Hanno partecipato alla serata anche altri docenti dei corsi: Franco Cerri, Franco D’Andrea, Paolo Tomelleri (tra i fondatori del Capolinea di Ludovico il Moro), Laura Fedele, Riccardo Bianchi, Giovanni Monteforte, Mario Rusca,  Fabio Jegher e Luca Missiti.

La serata, presentata da Maurizio Franco, è partita con il composto concerto della Civica, si è articolata in un susseguirsi di piccole perle, accanto ai giovani, Franco Cerri ha suonato ‘You are too beautifu’l, Paolo Tomelleri ‘Misty’ e altri grandissimi musicisti della storia del jazz italiano, si sono alternati nelle esibizioni, dando il meglio con la passione e l’affiatamento che  sempre, i grandi sanno regalare. Il pubblico numerosissimo, quasi addossato all’orchestra, ha seguito con attenzione ed ha partecipato attivamente, coinvolto dall’entusiasmo straripante del maestro Enrico Intra che ha diretto parte dell’esibizione ed ha concluso la serata con un assolo di piano intenso ed emozionante.
Mercoledì si è attivato un ciclo che vedrà il 16 aprile  ospiti del locale le selezioni per l’European Jazz Contest, organizzato dal Saint Louis College of Music, concorso musicale per artisti e gruppi jazz.
Partners dell’iniziativa: Siena Jazz, Musica Oggi, Conservatorium Maastricht.
Il progetto si articolerà in una giornata ogni 15 giorni, il mercoledì, nella quale si esibiranno i giovani musicisti di Milano, e ha l’ambizione  di far diventare il club un vero e proprio punto di incontro per la comunità jazzistica milanese, con la speranza che anche i professionisti più conosciuti possano partecipare alle jam session e alle attività di questo nuovo spazio conquistato al jazz.
Un’iniziativa senza scopo di lucro, svincolata da ogni sfruttamento commerciale della musica,  da vivere tutti insieme e coordinata, per conto di Musica Oggi, da Giulio Visibelli.

Immagini e testo in gentile concessione di Angela Bartolo

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.