Nek presenta ‘Filippo Neviani’: ‘L’ho suonato e cantato da solo’

Alla conferenza stampa di presentazione del nuovo album, Nek appare emozionato, ma allo stesso tempo più consapevole.
Un disco, il cui titolo non è certo scelto a caso: ‘Filippo Neviani’ è il nome di battesimo dell’artista, ma è anche un modo per raccontare sè stesso ed i sentimenti contrastanti che l’hanno concepito: l’emozione di diventare padre con la nascita della figlia Beatrice ed il dolore per la scomparsa del padre, Cesare.

A quattro anni dal suo ultimo disco di inediti ‘Un’Altra Direzione‘, Nek appare un artista diverso. E’ stato lui a curare direttamente la parte strumentale e vocale, imbracciando uno ad uno tutti gli strumenti musicali suonati nel disco:

“Ho suonato di persona tutti gli strumenti di questo disco per mettermi in discussione ma anche per andare oltre quello che ho già fatto. In questo modo ho sentito più mio questo disco attraverso anche un lavoro “fisico”. E’ un desiderio che avevo sin dai miei vent’anni”.

Per i testi, invece, Nek è stato supportato dal duo Camba – Coro. Testi che toccano temi sociali, quali la crisi che sta affliggendo il nostro Paese, ed i problemi che ne sono conseguiti, ma c’è anche spazio per la fede:

“Canto il malcontento generale e la crisi non solo economica ma anche di valori e di identità morale. Se pensiamo poi a quelle persone che non riescono a portare il pane a casa e a come possano pedere la visione del futuro, quando la realtà nuda e cruda ti crolla addosso. Parlo dunque con Dio chiedendogli i motivi di tutto questo”.

Una visione piuttosto pessimistica degli eventi:

“Accade anche perché ormai siamo abituati a una visione totalmente pessimistica delle cose. E’ chiaro anche in tv che un caso di cronaca o una brutta notizia facciano più auditel. Tutto ha una soluzione ed è nell’amore universale, andare avanti verso gli altri”.

Un pensiero che condivide con il nuovo Papa Francesco, che Nek definisce “un Papa straordinario, un gesuita che esalta la semplicità della vita. E’ rivoluzionario“. Ma c’è spazio anche per l’amore nel disco di Nek, l’amore per le figlie e la compagna:

“L’amore è un sentimento talmente grande che deve essere alimentato senza perdere l’armonia e la passione. Bisogna darsi totalmente e non centellinare il sentimento, si deve avere voglia di stare assieme e se questo non lo pensi allora c’è qualcosa che non va”.

Ma c’è stato anche tempo di parlare dei giovani talenti, dei talent show, che – come alcuni colleghi – l’artista non vede di buon occhio:

 “A quei ragazzi chiedo: siete disposti a pagare il caro prezzo di quello che verrà dopo?”.

E ancora dice:

“La responsabilità ricade non solo nelle major ma ancora prima chi manda al tritacarne questi ragazzi. I talent non devono essere l’unica via per le nuove proposte di far musica. Ma ai cantanti che partecipano ai talent vorrei chiedere se hanno la consapevolezza di quello che li aspetta dopo? Hanno chiaro il prezzo della popolarità e della gente che poi può voltarti le spalle? A volte li vedo questi ragazzi e sembrano che si autodistruggano da soli tanto sono traumatizzati dal dopo, dando erronamente l’idea di essere montati quando così non è”.

Vi ricordiamo che ‘Filippo Neviani‘ uscirà il prossimo 16 Aprile ed è stato anticipato in radio dal singolo ‘Congiunzione Astrale‘, il cui video è in rotazione sui principali network musicali.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.