Home / CINEMA / News Cinema / PlayTime – Tempo di divertimento: torna al cinema il film del 1967
playtime

PlayTime – Tempo di divertimento: torna al cinema il film del 1967

Dal 14 giugno 2016 è nei cinema PlayTime – Tempo di divertimento, film del 1967 diretto da Jacques Tation Jacques Tati, ed interpretato da Barbara Dennek, Rita Maiden, France Rumilly, France Delahalle. Si tratta del film più ambizioso di J. Tati (1908-82), ed anche quello decisamente più costoso per l’epoca. In questa pellicola il registra spinge alle estreme conseguenze la sua comicità, la sua capacità di osservazione e l’abilità di rendere in una sola inquadratura una grande molteplicità di informazioni. Il film fu girato in 70 mm (inadatto al piccolo schermo) e rappresenta il capolavoro di Tati anche se fu un totale flop per il pubblico di quegli anni.

PlayTime – Tempo di divertimento: Trama

Siamo in una Parigi del futuro con enormi strade a più corsie, imponenti palazzi d’acciai, grandi vetrate moderne e futuristici arredi. In questo ambiente sterile, solo l’anticonformismo innato nell’uomo e la nostalgia del tempi passati possono riportare ad uno stile di vita vivibile un mondo ormai estraniato. Tempo di divertimento è diviso in sei sequenze collegate tra loro da due personaggi che si incontrano più volte del corso della giornata: Barbara, una giovane turista americana in visita a Parigi con le amiche e Monsieur Hulot, un francese un po’ stordito dalla modernità di Parigi. Le sequenze sono:

  1. L’aeroporto: la comitiva di americane arriva all’ultramoderno e impersonale aeroporto di Parigi-Orly.
  2. Gli uffici: Monsieur Hulot entra in un grande palazzo modernissimo e si perde nel labirinto di stanze finendo in una fiera commerciale di design d’arredi d’ufficio,
  3. La fiera delle invenzioni: Monsieur Hulot e le turiste americane assistono alle novità del mercato, come la porta che sbatte in silenzio e la scopa elettrica con i fanali. Parigi sembra non esistere a parte nella presenza di un tipico chiosco di una venditrice di fiori e il riflesso della torre Eiffel in una porta a vetri.
  4. Gli appartamenti-vetrina: Monsieur Hulot incontra un vecchio amico che lo invita nel suo ultramoderno appartamento di vetro che rende visibile dalla strada la vita dei residenti dell’edificio.
  5. L’inaugurazione del ristorante Royal Garden: Monsieur Hulot è all’interno del ristorante e incontra numerosi personaggi, alcuni già visti e altri non ancora apparsi nel film, tra cui un menestrello, un borioso uomo d’affari americano (Billy Kearns).
  6. Il carosello delle macchine: Monsieur Hulot acquista due regali per Barbara che è nell’autobus che la porta in aeroporto in ingorgo di macchine simile ad una giostra.

PlayTime – Tempo di divertimento: Recensione

Il film, famoso per il suo enorme set, conosciuto come Tativille, è una enorme e divertente favola dell’assurdo che va vista come una autentica avventura per l’occhio dello spettatore, sfidato a esplorare i campi totali del film per scovarne i tanti, sovrapposti e simultanei, punti di interesse. Il registra offre una lezione di cinematografia ad altissimo livello utilizzando tecniche che hanno segnato le produzioni a seguire. Lo studio delle inquadrature e degli spazi ha fatto scuola come anche l’uso degli effetti sonori che aggiungono complessità all’effetto comico. Un caposaldo della cinematografia da vedere e da godere.

PlayTime – Tempo di divertimento: Trailer


NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!


Guarda anche

Babbo Bastardo 2 trama e recensione con Billy Bob Thornton

Babbo Bastardo 2: trama e recensione del sequel con Billy Bob Thornton

Torna al cinema Billy Bob Thornton con la commedia Babbo Bastardo 2, sequel del film del 2003. Scopri trama, recensione e trailer.

error: Content is protected !!