Renato Zero ha presentato Alt in conferenza: “è un album incentrato sul presente”

Il 7 aprile 2016 Renato Zero ha presentato a Milano alla stampa in anteprima il nuovo ed attesissimo album intitolato semplicemente Alt. Sullo sfondo campeggia la parola “Alt” alla quale segue un lungo ed emozionato applauso: a tre anni di distanza dal doppio progetto Amo, l’innovatore della musica italiana Renato Zero, torna con un disco e due appuntamenti-evento.

Sono felice di essere ancora in pista. Sono emozionato e mi tremano le gambe come un bambino. – dice Zero – È dal 1998 che non mi esibisco all’Arena di Verona, e lì ho lasciato splendidi ricordi. I concerti di giugno (il 1 e 2 giugno) saranno l’occasione perfetta per far ascoltare dal vivo il mio nuovo progetto discografico. Ci tengo particolarmente. E poi il Veneto, è una delle regioni che ha creduto in me sin dall’inizio, quando non ero nessuno e tutti mi insultavano.

E continua:

Non mi arrendo. Dovrete sopportare la mia scelleratezza e il mio modo di combattere una discografia che non considera l’essere umano ma preferisce robot che portano a casa denari. Non chiamatela più leggera, questa musica, e salvatela cercando di dialogare con Internet, con questi arcipelaghi che stanno disperdendo le nostre forze, la nostra semina. La sofferenza è un’amica e anche se la rifuggiamo è madre della crescita, della saggezza, madre della rivoluzione. E questo disco vuole rivolgersi a quelli che non si rassegnano al tempo e all’Isis.

renato zero 2016

Renato Zero: è uscito il nuovo atteso album Alt

Tornano i grandi temi sociali e le battaglie civili nel nuovo atteso album di Renato Zero uscito l’8 aprile 2016. Scopri il disco e ascolta tutti i brani.

0 comments

L’album, in uscita l’8 aprile, è un intervento quasi obbligatorio: è un album che parla dell’attualità, su quello che stiamo vivendo.

È diverso dai miei precedenti lavori, non è incentrato sul futuro ma sul presente. In 14 tracce c’è l’urgenza dei tempi che stiamo vivendo, duri e non facili. Parlo di grandi temi sociali, di battaglie civili e di Gesù, oggi si sente molto la sua assenza. Non parliamo di quella di Dio perché meriterebbe un dibattito. Gesù siamo noi, Dio potrebbe essere un’entità lontana e collocata in una dimensione senza tempo. Invece Gesù, questo signore che si è fatto massacrare in quel modo. Dipende dalla nostra volontà. Non si può stare al mondo aspettando la manna.

Canta l’amore in tutte le sue sfumature, è al centro di “Alt”:

Non c’è un amore di serie A e uno di serie B ma esiste un rapporto disciplinato dal rispetto reciproco. Io ho adottato un figlio perché non volevo restare da solo. Non l’ho condizionato. Tutto questo è un problema? Lo è per gli stronzi che non riescono ad amare, ha replicato.

E se la prende anche con chi ha messo il suo album gratis in rete:

Non chiamateli sorcini, sono sprovveduti e non conoscono il mio percorso che meriterebbe rispetto. Pensavano di dire a tutti: ho battuto Renato. E invece si sono battuti da soli. Non venite più ai miei concerti e non acquistate i miei dischi.

Nuove e sorprendenti canzoni, guardano con coraggio al futuro ma leggono il presente; e infine un appello ai giovani: “Voglio spronare le nuove generazioni perché devono essere più grintosi, senza stare sempre davanti al computer e abbandonare la dimensione virtuale. Il mondo non ti permette di stare fermo”. E conclude, scherzando: “Spero che questo dischi vi possa offrire l’alibi per le vostre serate intime o le vacanze ai Caraibi. Sappiate che io sarò lì e vi controllo”.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.