Ron a Sanremo 2017 con L’Ottava Meraviglia – testo

Ron è in gara al 67° Festival di Sanremo con il brano L’Ottava Meraviglia. Per il cantautore si tratta della settima partecipazione alla kermesse canora. L’ultima volta in cui Ron ha gareggiato al Festival è stato nel 2014, mentre è del 1996 il suo primo posto conquistato con la canzone Vorrei Incontrarti Fra Cent’Anni, cantata in coppia con Tosca.

Ron a Sanremo 2017 con L’Ottava Meraviglia

L’Ottava Meraviglia è il brano scelto da Ron per la competizione a Sanremo 2017. Il brano, che è stato scritto dallo stesso cantautore insieme a Mattia Del Forno, Francesco Caprara ed Emiliano Mangia, racconta la bellezza dell’avere qualcuno accanto che ci sostiene. Per la quarta serata del Festival dedicata alle cover italiane, Ron canterà Cara di Lucio Dalla. Il 10 febbraio uscirà un’edizione speciale del doppio album La Forza Di Dire Sì,  che contiene le più belle canzoni di Ron in duetto con 24 artisti italiani tra cui Francesco De Gregori, Loredana Berté, Marco Mengoni e Biagio Antonacci. L’album sarà arricchito inoltre dal brano sanremese e da un secondo inedito intitolato Ai Confini Del Mondo. Dopo la partecipazione al Festival, Ron tornerà live il 6 marzo 2017 al Teatro degli Arcimboldi di Milano con un evento benefico a sostegno della ricerca sulla SLA.

Il Festival di Sanremo 2017 si terrà dal 7 all’11 febbraio condotto dal direttore artistico Carlo Conti e Maria De Filippi. Saranno in gara 22 Campioni ce si sfideranno durante le cinque serate, di cui una dedicata alle Cover della musica italiana. Saranno invece 8 le Nuove Proposte che gareggeranno nella sezione dedicata agli artisti emergenti.

Ron: testo di L’Ottava Meraviglia

La mia vita è una candela
Brucerà lasciando cera
È la scena di un romanzo
Che non so come finirà
All’inizio un’altalena
Una storia una sirena
È la convinzione di raggiungerti
Anche in capo al mondo
Anche quando sono in coda
Nella fretta di arrivare
Fra polemiche alla radio
Una casa nuova da desiderare
E stasera piove ancora
E stasera farò tardi
Le giornate sempre corte
E io sempre meno giovane
Ma in fondo
L’ottava meraviglia del mondo
Siamo io e te… siamo io e te
In mezzo ai nostri pensieri
C’è una strada da fare
Da percorrere insieme
Su un treno, un aereo o soltanto coi sogni
Nei miei occhi l’America
Nei tuoi passi l’Oriente
Fino a che non cadranno
Saranno le stelle a inseguire i nostri momenti
C’è una strada nel sempre
Dove con te voglio andare
Per dividere il mondo e poi ricominciare
Un sentiero da esplorare
Che mi tiene ancora acceso
Scivolando sulla noia
Tu mi hai rialzato con la gioia
E arrivavo come un tuono
In ritardo come sempre
La tua luce un’anteprima
A quello che avrei detto
Che avrei fatto dopo
Ma in fondo
L’ottava meraviglia del mondo
Siamo io e te… siamo io e te
In mezzo ai nostri pensieri
C’è una strada da fare
Da percorrere insieme
Su un treno, un aereo o soltanto coi sogni
Nei miei occhi l’America
Nei tuoi passi l’Oriente
Fino a che non cadranno
Saranno le stelle a inseguire i nostri momenti
C’è una strada nel sempre
Dove con te voglio andare, andare, andare
Andare
C’è una strada nel sempre
Dove con te voglio andare
Per dividere il mondo
E poi ricominciare
ricominciare

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore