Sanremo 2013: il programma e gli ospiti della quarta serata, la semifinale

Si è da poco conclusa la giornaliera conferenza stampa a Sanremo, che ha dapprima focalizzato la sua attenzione verso la puntata di ieri sera, che ha registrato ascolti in crescita, tanto che in sala stampa si parlava di un milione in più rispetto allo scorso anno.

Questi i numeri: 11.497.000 gli apparecchi connessi con uno share del 42.08%, con picchi molto più alti nei diversi momenti dello spettacolo, tra cui il monologo di Luciana Littizzetto dedicato alla violenza sulle donne e all’amore, e l’apparizione di Roberto Baggio con la sua lettera ai giovani.

Poi l’attenzione si è spostata sulla puntata di stasera, durante la quale vi sarà la presentazione della statua intitolata a Mike Bongiorno. Presente in sala anche il figlio dell’indimenticato presentatore, scomparso nel 2009, Niccolò, che a nome della famiglia si dice onorato di questa dedica.

Per questa sera, la sera della semifinale, in cui verrà annunciato il vincitore della categoria giovani, ci si aspettano ascolti straordinari.
Si prospetta un Festival di Fazio bis?

“Vediamo di arrivare vivi alla fine”. 

Smorza la tensione il presentatore, mostrando grande soddisfazione per la puntata di ieri. Inoltre i due mattatori dell’Ariston si dicono grati alla Rai per aver concesso alcune scelte azzardate. Certamente è stato centrato l’obiettivo di non finire troppo tardi, anche a costo di comprimere lo share.

Fazio ha anche parlato degli ospiti della serata di ieri: Antony & The Johnsons ed Eleonora Armellino, dicendosi davvero orgoglioso di questa scelta. Ma il presentatore ha anche raccontato del rapporto lavorativo con Littizzetto, definito da lui stesso come “una scommessa”, che si è rivelato poi il punto di forza di questo Festival.
Non mancano le ovazioni al monologo della comica torinese, affrontato con grande professionalità ed in modo perfetto.

Per questa sera, che sarebbe stata la serata dei duetti vi saranno alcuni cambiamenti in programma. In alcuni casi, infatti, questi sono saltati. Ma la produzione specifica:

Non era una cosa obbligatoria e non c’era bisogno. Sarà un regalo per chi lo farà”.

Fazio fa poi un bilancio del suo Festival. Si dice “stanco a pezzi“, ma ovviamente molto contento di essere in questa posizione. Ci saranno molte belle canzoni che rimarranno nella mente di questa rassegna, e conclude l’intervento con:

“Voglio bene al Festival, ad un certo punto l’ho guardato. Sembrava una situazione schizofrenica”.

Poi prende la parola Luciana Littizzetto:

“Abbiamo preparato una trasmissione che incidentalmente è anche Sanremo. Abbiamo utilizzato la stessa filosofia degli altri lavori televisivi. C’è un copione fisso che però può essere ribaltato. Ad esempio, l’idea di Vessicchio è stata un’improvvisazione”.

Poi si parla della classifica parziale, quella decretata dal televoto e che ha fatto parecchio discutere.
Molti dicono che questa privilegi i concorrenti provenienti dai talent show, ma la produzione ci tiene a precisare che la qualità sarà privilegiata dall’apposita giuria. Il pubblico ha certe preferenze e la cosa non sorprende di certo, ma questa potrebbe anche essere stravolta totalmente sabato sera, quando si deciderà il vincitore.

Intanto stasera, ci sarà la resa dei conti tra i Giovani in gara e si deciderà chi tra Renzo Rubino, Blastema, Antonio Maggio ed Ilaria Porceddu sarà il vincitore della categoria.

Poi ci saranno i Big, che proporranno in duetto o da soli – seguendo il tema ‘Sanremo Story’ – alcuni brani che hanno fatto la storia del Festival, ma che non saranno sottoposti a televoto. Di seguito l’elenco degli artisti e delle canzoni (non in ordine di apparizione):

Almamegretta: ‘Il ragazzo della via Gluck’ (Adriano Celentano, 1966)
Malika Ayane: ‘Cosa hai messo nel caffè’ (Riccardo Del Turco, 1969)
Simone Cristicchi: ‘Canzone per te’ (Sergio Endrigo, 1968)
Elio e le storie tese con Rocco Siffredi: ‘Un bacio piccolissimo’ (Robertino, 1964)
Chiara Galiazzo: ‘Almeno tu nell’universo’ (Mia Martini, 1989)
Max Gazzè: ‘Ma che freddo fa’ (Nada, 1969)
Raphael Gualazzi: ‘Luce (tramonti a nord est)’ (Elisa, 2001)
Marta sui Tubi con Antonella Ruggiero: ‘Nessuno’ (Mina, 1959)
Marco Mengoni: ‘Ciao amore ciao’ (Luigi Tenco, 1967)
Simona Molinari e Peter Cincotti con Franco Cerri: ‘Tua’ (Jula De Palma-Tonina Torrielli, 1959)
Modà: ‘Io che non vivo’ (Pino Donaggio, 1965)
Maria Nazionale: ‘Perdere l’amore’ (Massimo Ranieri, 1988)
Annalisa Scarrone con Emma Marrone: ‘Per Elisa’ (Alice, 1981)
Daniele Silvestri: ‘Piazza Grande’ (Lucio Dalla, 1972)

Ovviamente non mancheranno grandi ospiti d’eccezione come Caetano Veloso e Stefano Bollani, il pornodivo Rocco Siffredi e l’immancabile Super Pippo Baudo.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.