Musica, Cinema, TV e Spettacolo

Serata in stile post Punk con i Soviet Soviet

SOVIET SOVIET 33 By Ste (Copia)
Soviet Soviet – Foto per gentile concessione di Stefanino Benni

Bella serata di musica in stile rock, post punk ieri sera (26.08.14) alla Birroteca Rock di Crema (Podere di Ombrianello-all’interno della Festa del PD) con il live dei Soviet Soviet.

Gli italiani Soviet Soviet sono un gruppo Alternative rock di ispirazione new wave e post-punk nato tra Fano e Pesaro nel 2008 e formato da Alessandro Costantini (cantante e chitarrista), Alessandro Ferri (batteria) ed Andrea Giometti (cantante e bassista).  Nel 2009 autoproducono i loro primi due EP (No Title e Soviet Soviet), riscuotendo un buon successo di critica, così da essere recensiti anche sul sito inglese Pitchfork Media ed iniziano un lungo tour con ottime performance dal vivo.

Nel 2010 pubblicano per l’etichetta franco-inglese Mannequin, uno split con i Frank (just Frank), di cui parlerà anche Simon Reynolds nel suo libro Retromania-Musica, cultura pop e la nostra ossessione per il passato, pubblicato in italia da Isbn Edizioni.

Nel 2011 esce per l’etichetta veronese Tannen Records, il loro primo album dal titolo ‘Summer, Jesus‘.  In occasione dell’uscita discografica, sempre nel 2011 l’etichetta veneta pubblica l’edizione digitale di ‘Nice‘, che racchiude i primi due EP. ‘Summer, Jesus‘, che vedrà una ristampa nel 2012 su Mannequin, porta al gruppo anche gli inviti a diverse compilation, fra cui Discipline – A Contemporary Picture of the Obscure Italo Music Movement per la Discipline e DEATH # DISCO Compilation Volume I per la tedesca DEATH # DISCO.

Nel novembre 2013 esce il loro secondo album dal titolo ‘Fate‘ per la Felte, confermando un sound unico dalle caratteristiche post-punk, dark e new wave a cui si uniscono moltissime altre sfumature musicali.

Atmosfere cupe e miscela energica e frenetica di suoni caratterizzati da riff di chitarra, toni più profondi di basso, batteria costante ed estremamente incisiva e voce ghiacciante che richiama anche le tipiche atmosfere dark e new wave. I Soviet Soviet sono, effettivamente, una band di buon livello che vale, sicuramente, la pena di seguire nel cammino e che in un prossimo futuro vedrei bene pure in apertura ad un live dei The Cure o dei Placebo.  Non dimentichiamo poi che hanno già fatto da opening-act ai Pil di John Lydon (meglio conosciuto come Johnny Rotten ex voce del gruppo punk rock dei Sex Pistols), ai The Horrors, oltre che in tour con gli A Place To Bury Strangers.

Foto per gentile concessione di Stefanino Benni:

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.