Shut In: trama e recensione del nuovo thriller con Naomi Watts

Shut In sarà nei cinema italiani da mercoledì 7 dicembre 2016. Il film/thriller del regista Farren Blackburn vede tra i protagonisti Naomi Watts, Oliver Platt, Charlie Heaton, David Cubitt, Jacob Tremblay.

Shut In: trama

Naomi Watts veste i panni di Mary Portman, una psicologa infantile. In un incidente d’auto perde la vita il marito Richard e rimane paralizzato il suo figlioccio Stephen. La donna sceglie di occuparsi di Stephen e di proseguire con la propria professione senza mai allontanarsi dalla sua casa, dove riceve a domicilio i suoi pazienti in modo da potersi occupare del bambino, ridotto in stato vegetativo. Si interessa particolarmente al caso di un paziente, Tom, ragazzino dotato e dall’infanzia difficile. Tom si presenta a casa della psicologa, ma poi scompare nel nulla. Da quel giorno Mary è tormentata dagli incubi e dalle visioni e da strani eventi che condurranno a un’agghiacciante scoperta che lascerà tutti col fiato sospeso..

Shut In: recensione

Shut In è un thriller che però racconta una storia composta di elementi presi in prestito da altre pellicole di più alto spessore. Il film non è dei migliori della tipologia del terrore ed anche la protagonista, la brava Naomi Watts, non riesce a dare alcun valore aggiunto alla pellicola. Il film è ambientato in uno spazio limitato (quello della villa con annesso sinistro scantinato) per puntare tutto sulla paura di rimanere isolati e soli nell’affrontare eventi terrificanti. Ma la pellicola procede senza regalare grandi sorprese a parte il finale che diventa nell’economia del racconto forzatamente inaspettato.

Shut In: trailer

https://www.youtube.com/watch?v=omeDxehha64

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore