The Rolling Stones alla conquista dell’O2 Arena di Londra

The Rolling Stones ieri sera hanno tenuto il primo dei due attesissimi show alla London O2 Arena, per celebrare il 50esimo anniversario dalla nascita della band. Come precedentemente annunciato, molti sono stati gli ospiti della serata, a partire da Mary J Blige che ha prestato la sua voce per la storica ‘Gimme Shelter’, mentre il rocker Jeff Beck ha suonato la sua chitarra in ‘I’m Going Down’. Presenti anche il bassista Bill Wyman – che ha suonato con gli Stones dal 1962 al 1992 – ed il chitarrista Mick Taylor, che fece parte della formazione dal 1969 al 1974. Il concerto di ieri è stata la prima volta che i due musicisti hanno suonato di nuovo insieme, dopo l’abbandono della band.

Lo show è iniziato con mezz’ora di ritardo, alle 20.30 ora locale, introdotto da un videoclip che mostrava alcuni celebri fan degli Stones, tra cui citiamo Iggy Pop, Elton John e Angus Young degli AC/DC, che spiegavano cosa gli Stones significassero per loro. Tra loro vi era anche l’attore Johnny Depp, che ha descritto le loro canzoni come “musica che ti porta a fare cose cattive”. Successivamente, un gruppo di percussionisti che indossavano maschere da gorilla – che richiamavano la copertina della loro ultima pubblicazione, il Greatest Hits ‘GRRR!’ – ha eseguito una sorta di parata attorno all’arena, prima che la band iniziasse ad esibirsi sulle note di ‘I Wanna Be Your Man’, scritta dai colleghi Lennon e McCartney. Durante l’esecuzione di ‘All Down The Line’, sullo sfondo sono state mostrate alcune immagini degli eroi degli Stones: da Chuck Berry a Elvis Presley. La setlist ha spaziato in tutti i 50 anni di carriera della band, partendo da alcune canzoni estratte dal primo album del 1963,‘I Wanna Be Your Man’, fino alle pubblicazioni di quest’anno ‘One More Shot’ e ‘Doom And Gloom’, che lo stesso Jagger ha introdotto, dicendo che è tempo della “Sua Satanica Maestà… in pieno” pretendendo, scherzosamente, che la band si esibisse sul discusso album psichedelico del 1967.

Keith Richards ha cantato in ‘Before They Make You Run’, dall’album ‘Some Girls’ del 1978, ed ‘Happy’, estratto da ‘Exile On Main Street’. Un intero coro ha raggiunto sul palco la band per sostenerla nell’encore di ‘You Can’t Always Get What You Want’. Lo show è terminato con l’esibizione del classico ‘Jumping Jack Flash’. Non è comparsa in scaletta, con grande dispiacere del pubblico, la hit ‘Satisfaction’ che – fa sapere un portavoce – era inclusa in setlist, ma è stata saltata per motivi di tempo.

Ad un certo punto del concerto, Mick Jagger ha anche scherzato sul prezzo dei biglietti, considerato troppo esagerato. Un prezzo che variava dalle 90 sterline fino alle 400.

“Come state sulle vostre sedie economiche? Il problema è che non sono così economiche”.

Si dice che fuori dall’O2 Arena, qualche bagarino vendesse i biglietti a prezzi assolutamente esorbitanti, che arrivavano fino a 3.000 sterline.

Di seguito, la set-list del concerto:

‘I Wanna Be Your Man’
‘Get Off My Cloud’
‘It’s All Over Now’
‘Paint It Black’
‘Gimme Shelter’ (with Mary J. Blige)
‘Wild Horses’
‘All Down The Line’
‘I’m Going Down’ (with Jeff Beck)
‘Out Of Control’
‘One More Shot’
‘Doom and Gloom’
‘It’s Only Rock and Roll’ (with Bill Wyman)
‘Honky Tonk Woman’
‘Before They Make You Run’
‘Happy’
‘Midnight Rambler’ (with Mick Taylor)
‘Miss You’
‘Start Me Up’
‘Tumbling Dice’
‘Brown Sugar’
‘Sympathy For The Devil’
‘You Can’t Always Get What You Want’ (with choir)
‘Jumping Jack Flash’

I Rolling Stones replicheranno lo show all’O2 Arena questo giovedì, 29 Novembre, per poi volare negli Stati Uniti, per le 3 date NewYorkesi.

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.