Brutti e Cattivi, film al cinema: recensione e curiosità

Brutti e Cattivi con Claudio Santamaria e Marco D'Amore è tra i film al cinema usciti il 19 ottobre. Scopri recensione e curiosità

Tra i film al cinema da giovedì 19 ottobre 2017 è uscito Brutti e Cattivi. 40 anni dopo il film di Ettore Scola, i Brutti e Cattivi sono di nuovo protagonisti al cinema nella commedia diretta da Cosimo Gomez interpretata da Claudio Santamaria e Marco D’Amore. Di seguito scheda, trama, curiosità e la nostra recensione sul film. SCOPRI LE ALTRE USCITE NELLE SALE DEL MESE

Brutti e Cattivi, film al cinema: scheda

  • TITOLO ORIGINALE: Brutti e Cattivi
  • GIORNO DI USCITA: 19 ottobre 2017
  • GENERE: Commedia
  • ANNO: 2017
  • REGIA: Cosimo Gomez
  • CAST: Claudio Santamaria, Marco D’Amore, Sara Serraiocco, Rinat Khismatouline, Simoncino Martucci, Giorgio Colangeli, Riccardo Mioni, Adamo Dionisi, Narcisse Mame, Aline Belibi, Maria Chiara Augenti, Filippo Dini, Fabiano Lioi
  • DURATA: 87 Minuti

Brutti e Cattivi, film al cinema: trama

Siamo nella periferia della Capitale. Quattro persone ai margini della società con problemi fisici catalogati come Brutti e Cattivi, decidono di fare qualcosa per cambiare la loro misera vita. Il Papero (Claudio Santamaria) mendicante senza gambe con la complicità della sua moglie, una bellissima donna senza braccia detta la Ballerina (Sara Serraiocco), insieme al Merda (Marco D’Amore) un rastaman drogato e con l’aiuto di Plissé (Simoncino Martucci) un irascibile nano rapper, mettono a segno una rapina in banca. In quella banca un potente boss della mafia cinese custodisce i proventi delle sue attività illecite. Dopo il colpo però le cose si complicano. Per di più ognuno dei componenti della banda vuole essere il custode della refurtiva. Comincia così una caccia al tesoro tra inseguimenti, vendette, esecuzioni sanguinose e tradimenti reciproci. 

Brutti e Cattivi, film al cinema: recensione

Siamo in presenza di un’opera innovativa e a suo modo coraggiosa per il cinema italiano che è tendenzialmente piuttosto prudente. Il film di Cosimo Gomez può non piacere ma di sicuro non può lasciare indifferenti. La sceneggiatura curata anche dallo stesso regista è coerente con il titolo e presenta personaggi tutti negativi (o quasi), degradati e volgari, che non hanno alcuna intenzione di redimersi. L’approccio alla visione di questo film deve essere con la consapevolezza che il regista non ha avuto alcun intendimento di denigrare la disabilità. Piuttosto se ne è servito per mostrare la crudezza della vita e porci di fronte che siamo tutti diversi e che spesso questo non dipende da una differenza nell’aspetto fisico ma nell’animo. Diversi e cattivi sono certamente questa banda di outsider, ma lo sono anche i membri della banda di mafiosi cinesi cinici e senza scrupoli. “Brutti e cattivi” lo sono anche i banchieri che non hanno scrupoli a concedersi senza scrupoli per ripulire denaro sporco e di dubbia provenienza. Si concorda con la definizione della produzione che recita «è una dark comedy intelligente, oltraggiosa e bizzarra, che rompe gli schemi e non si pone dubbi sul politically correct.»

Brutti e Cattivi, film al cinema: curiosità

  • Quest’opera rappresenta il lavoro d’esordio di Cosimo Gomez alla regia.
  • La sceneggiatura ha visto il soggetto aggiudicarsi il prestigioso premio Solinas.
  • Le musiche sono di Paolo Vivaldi.
  • La pellicola è stata presentata al Festival di Venezia 2017 nella sezione Orizzonti.

Brutti e Cattivi, film al cinema: trailer

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More