Forlì: 10 dicembre 1944, l’ultimo bombardamento – visita raccontata

A Forlì domenica 10 dicembre 2017 Marco Viroli e Gabriele Zelli presentano 10 dicembre 1944, l'ultimo bombardamento. Scopri di più

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA PUBBLICITÀ

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA PUBBLICITÀ

A Forlì domenica 10 dicembre 2017 alle ore 10:00 Marco Viroli e Gabriele Zelli condurrano i partecipanti in una visita guidata in ricordo di ciò che accadde il 10 dicembre del 1944, l’ultimo bombardamento.

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA PUBBLICITÀ

Era una domenica anche allora e in serata un bombardamento tedesco, che si rivelò l’ultimo a colpire la cittadina forlivese, uccise 20 cittadini. Inoltre rase al suolo la Chiesa di San Biagio del 1433 con tutti i suoi tesori e capolavori artistici. Di seguito riportiamo qualche notizia sull’evento.

Forlì: 10 dicembre 1944, l’ultimo bombardamento

La sera di domenica 10 dicembre 1944, la Chiesa di San Biagio in san Girolamo, consacrata nel 1433 e rimaneggiata nel Seicento, fu rasa al suolo da un bombardamento tedesco.

In tale circostanza, oltre al pesante tributo di vite umane pagato (20 furono le vittime accertate), sotto le macerie del bombardamento Forlì perse irrimediabilmente uno dei suoi gioielli più splendidi e irripetibili: la Cappella Feo (1493-94) e con essa i magnifici affreschi, opera Marco Palmezzano, realizzati su cartoni preparatori del maestro Melozzo degli Ambrogi.

A ricordo degli affreschi della Cappella Feo restano oggi solo vecchie foto in bianco e nero, opera dello studio fotografico dei fratelli Alinari di Firenze. In seguito al bombardamento andarono distrutti anche i monumenti funebri di Cesare Majoli, Giovanni Battista Morgagni e Luigi Paulucci di Calboli.

Forlì: visita raccontata da Marco Viroli e Gabriele Zelli

La visita raccontata è a partecipazione libera ed è promossa in occasione dell’uscita del libro Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna volume 2 di Marco Viroli e Gabriele Zelli. In caso di maltempo la visita raccontata si terrà all’interno della Chiesa di San Biagio. Per informazioni: 349 3737026; 392 4488070.