Renzo Rubino torna in radio con ‘Pop’

Renzo Rubino salirà oggi sul palco del Concerto del Primo Maggio a Roma, dove presenterà al pubblico il nuovo singolo 'Pop', in radio da venerdì.

Dopo il Premio della Critica al Festival di Sanremo 2013 con il brano ‘Il Postino (amami uomo)‘, da venerdì 3 maggio sarà in radio il nuovo singolo di Renzo Rubino.
‘Pop’, questo il titolo del brano, è un gioco di citazioni che sfida l’ascoltatore a riconoscere tutte le frasi di canzoni famose che compongono il testo che è nato dall’imperativo categorico di molti discografici: “devi fare una canzone pop!”

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA PUBBLICITÀ

“L’idea mi è venuta dopo che un discografico ha ascoltato i miei provini” – racconta Rubino – I suoi commenti erano: ‘bella melodia, ma ci vuole qualcosa più… capito? Un po’ più… Un po’ meno… Un po’ più pop. Tornato a casa ho cercato su vari dizionari il significato di “canzone pop”, ma nessuna definizione mi ha soddisfatto. Per me tutto è pop: da Jeff Buckley a Tom Waits. La sera stessa mi è venuto in mente questo testo: scriverlo è stato un autentico spasso”.

Rubino canterà ‘Pop’, ‘Il postino (amami uomo)’ e ‘Paghi al Kilo’ al concerto del Primo Maggio, quest’oggi in Piazza San Giovanni a Roma.

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA PUBBLICITÀ

Queste canzoni sono contenute nell’album ‘Poppins’ (Atlantic/Warner Music), caratterizzato da testi maturi e originali, tra ironia e poesia che spaziano da suggestioni classiche a vibrazioni elettriche e blues.

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA PUBBLICITÀ

Il titolo dell’album è un riferimento alla valigia di Mary Poppins. Il suo disco è come quella valigia: un contenitore di tante idee, emozioni, ricordi, storie vere racchiuse in 12 canzoni.
Renzo Rubino ha sempre avuto un forte amore per la musica inizialmente coltivato sul pianoforte scordato di casa. I suoi modelli spaziavano da Domenico Modugno a Ray Charles, fino a Michael Jackson. Si è appassionato al modo di scrivere di Lucio Dalla, Sergio Endrigo e Piero Ciampi. Più tardi ha scoperto anche Enzo Jannacci, un “amore a seconda vista” da lui considerato un genio assoluto. Per far ascoltare le sue canzoni in pubblico ha escogitato stratagemmi degni dei Blues Brothers.