Intervista alla Parov Stelar Band: ‘Amo l’Italia e non vedo l’ora di suonare a Roma e Padova’

 

Cube Magazine ha avuto occasione di scambiare quattro battute con il dj e produttore Parov Stelar, fondatore della Parov Stelar Band – pionieri dell’electro swing – , che la prossima settimana saranno in Italia (per due concerti – il 21 Novembre a Padova ed il 22 a Roma – organizzazione a cura di Barley Arts) per presentare l’ultima fatica ‘The Art Of Sampling‘.

Ecco cosa ci ha raccontato..

Cube Magazine: Qual è il tuo legame con l’Italia ?
Parov Stelar: “In realtà ho un profondo legame con l’Italia. Ho suonato in innumerevoli DJ Set italiani prima di suonare con una band vera e propria. Ho sempre amato venire in Italia. Dopo un concerto a Torino nel 2005, ho anche pubblicato un EP dal titolo ‘A Night In Torino’. Nella primavera di quest’anno abbiamo suonato a Milano ed è molto bello per noi tornare a suonare nei due spettacoli di Padova e Roma. Spero che voi siate pronti a far festa e ballare tutta la notte!”

CM: Come è iniziata la tua passione di fondere la musica tradizionale con ritmi moderni? Come è cominciato tutto?
PS: ““È divertente, ma è successo per caso … ho messo un disco di Billie Holiday sul mio vecchio – allora nuovo – giradischi, un 1210 turntables, ed è rimasto bloccato. Sembrava un bel loop – come un campione vocale ripetuto. ‘Bello!’, ho pensato, e mi sono fiondato sul mio computer per lavorare su un beat per questo campione. Tutto ha funzionato alla grande ed è stato un momento magico per me. Ho subito pensato che questa era la direzione in cui volevo andare!”

CM: Come si crea questo genere di musica? Tu crei un beat e dopo cerchi dei suoni aggiuntivi dal vinile o viceversa?
PS: “Dipende. A volte parto da un beat o anche da un campionamento, a cui segue un lungo processo di ricerca dei pezzi giusti che ci stiano bene insieme. Il problema è che non si sa mai se trovi le parti giuste, così a volte finisco ad avere un beat perfetto ma nient’altro”.

CM: Cosa ne pensi del termine ‘Electro – Swing’ legato alla tua musica?
PS: “Non mi sono mai identificato con un solo stile di musica. Mi rendo conto che “Electro- swing” è stato il tipo di suono che ha reso Parov Stelar famoso. Tuttavia, nel corso degli ultimi 15 anni ho prodotto molti album pescando da vari stili – alcuni lontanissimi dall’ Electro Swing – e sono abbastanza sorpreso che sia ancora così difficile discostarmi da quella definizione”.

CM: Come scegli i campionamenti e dove li trovi?
PS: “Ho qualche migliaio di dischi a casa, ma non campiono musica solo dai vinili, li prendo anche dal digitale. Quindi a volte vado al mercato delle pulci e a volte navigo su youtube”.

CM: Grandi artisti ti chiedono di campionare le loro canzoni. Come è stato possibile fare una remix per Lana Del Rey ?
PS: “È stato il manager di Lana del Rey a mettersi in contatto con il mio, chiedendo un remix per della canzone “Dark Paradise” . Ero entusiasta di produrre un vero capolavoro come questa canzone. Lana del Rey è un’artista fantastica e fare una nuova versione di “Dark Paradise” è stato un progetto interessante per me. Alla fine sono rimasto più che soddisfatto del risultato”.

CM: Ci sono molti DJ che usano il loro computer portatile per intrattenere una folla enorme di gente. Non sarebbe più facile suonare così?
PS: “La gente là fuori merita qualcosa di “reale”, perché loro vogliono “vedere” la musica, non solo ascoltarla. Molte persone sono stufe del nostro mondo digitale “super veloce” ed è per questo che chiedono qualcosa di concreto. E come artista non voglio utilizzare la via più semplice, perché il modo più semplice è un cattivo maestro”.

CM: Dove nasce la tua creatività e la tua ispirazione?
PS: “I sentimenti, esperienze, situazioni quotidiane, viaggi, rapporti, tutto questo è di grande ispirazione per la mia musica. Io racconto le mie storie personali e parti della mia vita attraverso le mie canzoni!”

CM: Raccontaci una storia assurda su quello che è successo a te o alla band?
PS: “Uno show privato in Russia di fronte a due persone…”

CM: Quali sono i tuoi progetti per il futuro? Quali i tuoi desideri?
PS: “Ho un potente bisogno creativo che chiede di essere soddisfatto, per questo continuerò a fare quello che sto facendo: produrre nuove tracce e presentarle sul palco! Parov Stelar continuerà…”

Un ringraziamento a Parov Stelar

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere tutte le news del momento!

Potrebbe piacerti anche Altri dell'autore

Seguici!!!

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook.

Clicca MI PIACE per non visualizzare più questo popup.