The Place, film al cinema: recensione e curiosità

The Place di Paolo Genovese è tra i film al cinema da giovedì 9 novembre 2017 . Scopri trama, recensione e curiosità

The Place è uno dei film al cinema da giovedì 9 novembre 2017 . Si tratta di una pellicola drammatica/ fantasy  diretta da Paolo Genovese, con Valerio Mastandrea e Marco Giallini. Il film  è ispirato alla serie americana The Booth at the End con un finale che collega tra loro le varie storie che costituiscono la trama del film. Di seguito ecco scheda, trama, trailer, la nostra recensione e qualche curiosità sul film. SCOPRI LE ALTRE USCITE NELLE SALE DEL MESE

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA PUBBLICITÀ

The Place, film al cinema: scheda

  • TITOLO ORIGINALE: The Place
  • DATA USCITA: 9 novembre 2017
  • GENERE: Drammatico, Fantasy
  • ANNO: 2017
  • REGIA: Paolo Genovese
  • CAST: Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Alba Rohrwacher, Vittoria Puccini, Rocco Papaleo, Silvio Muccino, Silvia D’amico, Vinicio Marchioni, Alessandro Borghi, Sabrina Ferilli, Giulia Lazzarini
  • DURATA: 105 Minuti

The Place, film al cinema: trama

Il protagonista (un bravissimo Valerio Mastandrea) passa le giornate seduto sempre nello stesso tavolo in un comunissimo bar. Ha un grande quaderno  di pelle nera che sfoglia e appunta. Al suo tavolo si siedono delle persone, tutte in cerca di aiuto. Lui  aiuterà tutti ma in cambio vuole qualcosa e spesso sono azioni eticamente discutibili.

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA PUBBLICITÀ

All’uomo con il quaderno seduto al bar si rivolgono un padre  (Vinicio Marchioni) con il figlio gravemente malato; una donna (Vittoria Puccini) desiderosa di riconquistare il marito; un poliziotto (Marco Giallini) alla ricerca del figlio; una ragazza (Silvia D’Amico) a cui interessa solo essere bella; una suora (Alba Rohrwacher) che vuole ritrovare Dio; un meccanico (Rocco Papaleo) il cui desiderio più grande è quello di passare una notte con la modella di un poster; un’anziana signora (Giulia Lazzarini) che desidera vedere guarito dall’Alzheimer il marito; un  cieco (Alessandro Borghi) che vorrebbe riavere la vista; un giovane sbandato (Silvio Muccino) che vorrebbe non vedere più il padre che gli ha rovinato l’infanzia. Intanto la barista del bar (Sabrina Ferilli) serve cappuccini, torte, insalate, tè ai clienti del suo cliente. Lei è l’unica persona che non fa richioeste a quell’uomo, anzi gli pone delle domande.

CONTINUA A LEGGERE DOPO LA PUBBLICITÀ

The Place, film al cinema: recensione

Dopo il successo di perfetti sconosciuti  anche questo film di Paolo Genovese si presenta come un film corale. Tutti gli interpreti sono assolutamente convincenti, in particolare il protagonista Mastandrea, oltre a Giula Lazzarini, Rocco Papaleo e Silvio Muccino. Il regista pone al centro della storia la parola  quasi l’opere fosse più una piece teatrale.  Mentre nel precedente film, Perfetti sconosciuti, Genovese aveva mostrato come la conoscenza del nostro prossimo può essere messa in dubbio in ogni momento, qui il suo accento si rivolge alla conoscenza di se stessi.  In The Place l’indagine è totalmente introspettiva per farci indagare sulla nostra morale e per metterci di fronte a quali scelte saremmo pronti a fare anche se moralmente discutibili per avverare un desiderio, soddisfare un bisogno o aiutare una persona cara. Un film più adatta ad una visione a teatro o nel piccolo schermo, ma che merita assolutamente la visione.

The Place, film al cinema: curiosità

  • Valerio Mastandrea, che interpreta il misterioso uomo che realizza i desideri dei clienti del bar,  sarà presto in sala con il suo esordio alla regia nel film Ride.
  • La sceneggiatura è scritta a quattro mani dallo stesso regista Genovese insieme a Isabella Aguilar.
  • The Place è stato scelto come film di chiusura della Festa del Cinema di Roma 2017.

The Place, film al cinema: trailer